Smetti di Procrastinare: scopri le scuse che ti racconti e i metodi per smettere

Smetti di Procrastinare: scopri le scuse che ti racconti e i metodi per smettere
Articolo di Dott.ssa Simonetta Podda, il . Scritto nella categoria: Crescita Personale e Business

L’arte di procrastinare è, per molti di noi, una vera e propria filosofia di vita!

Rimandare a domani quello che si potrebbe fare oggi è l’abitudine più usata da uomini e donne e, sicuramente, ci sarai cascato anche tu!

Lo so, ti capisco, succede a tutti prima o poi…

E, allora, ti starai chiedendo? Dov’è il problema?

Il problema sta nel fatto che non è una buona abitudine e che, molto spesso, ci si ritrova inguaiati fino al collo e non si sa come uscirne!

Pensa ad esempio alle bollette che si accumulano, a comunicazioni importanti che non hai letto, a persone a cui magari non hai ancora dato una risposta…

Come vedi, procrastinare il da farsi può farti entrare in una vera e propria spirale da cui è difficile uscire!

Rimandando continuamente potresti ritrovarti ad avere molti debiti, a perdere dei soldi, a mettere a repentaglio i tuoi rapporti sociali, lavorativi e anche sentimentali…

La faccenda, dunque, è abbastanza complicata!

Ok, vuoi scoprire se sei un procrastinatore di professione o se sei affetto da rimandite acuta?

Ecco le due scuse che ti racconti…

1. Non ho tempo…

Questa è la scusa più grossa ed anche, se ci pensi, la più banale.

Il tempo è una condizione relativa e continuare a dirsi che non si ha il tempo per fare qualcosa è quanto di più semplice si possa trovare per rimandare a domani.

In realtà, ogni volta che ti ripeti di “non avere tempo”, pensi e “speri” che si verifichino tutte quelle condizioni “perfette” per avere quel famoso lasso temporale!


Così continui a rimandare l’iscrizione in palestra (che arriverà magari verso maggio) l’inizio della dieta (che forse faremo la prossima estate, chissà, magari quando avremo voglia di mangiare in maniera più leggera) etc, etc…

La notizia che sto per darti è che quelle “condizioni perfette” non si verificheranno mai e che tu sei l’unico a poter decidere di prenderti il tempo necessario per fare quello che devi e che vuoi!

Mi spiace dirtelo, ma continuare a credere al verificarsi di queste condizioni, è un po’ come continuare a credere a Babbo Natale!

Ti invito a ripensare a quella volta che volevi davvero fare qualcosa di importante per te…scommetto che, benché impegnato, hai trovato il tempo per farla…

Ok, la prima scusa che ti racconti è stata svelata!

2. Non ne ho voglia!    

A chi non è mai capitato di non voler fare qualcosa?
Un compito, una relazione noiosa da portare a termine, una decisione difficile da prendere…

Capita a tutti di non aver voglia di fare qualcosa! Poco tempo fa dovevo scrivere una relazione di lavoro e davvero, ti posso assicurare che, anch’io, non ne avevo voglia!

Ma sai cosa succede se continui a procrastinare?

Ci sarà come un tarlo dentro la tua testa che continuerà a tormentarti, una vocina che ti dirà che devi farlo e ogni volta che rimanderai e che ti impegnerai in qualche altra attività più piacevole, ti affliggerà…

Cambia prospettiva e inizia a considerare i lati positivi della faccenda…

Ad esempio?

  1. Se porti avanti il compito, risparmierai del tempo prezioso per dedicarti a cose più piacevoli per te;

  2. Non ti sentirai in colpa;

  3. Eviterai che i diversi impegni si accavallino, creandoti, alla fine, inutili stress!

Bene, direi che ci siamo! Spero che queste regole, che fanno parte della mia esperienza, possano esserti d'aiuto per cominciare la tua nuova crescita personale e professionale!

Se ti è piaciuto l'articolo, puoi condividerlo e farlo conoscere ai tuoi amici, così, magari, aiuterai anche loro a smettere di procrastinare!

Al tuo successo!

Un abbraccio,
Simonetta

 

Video
  • Video

comments powered by Disqus